LA COLLEZIONE MAIOLICHE DERUTA 2012

L'artigianato artistico delle maioliche proposto in una veste nuova da Michele De Lucchi. Una serie di pezzi unici da collezione.

Questo storyboard è un viaggio alla scoperta della collezione di Maioliche Deruta. realizzate dal 2012 per Produzione Privata dal 2012.

La maiolica è un tipo di vasellame che deriva da una produzione artigianale molto raffinata che a partire dal Basso Medioevo si è diffusa e intensificata in Italia e in parte del Mediterraneo. Il termine maiolica indica più precisamente argilla cotta, immersa in un bagno di smalto stannifero per coprire la superficie porosa della terracotta, decorata a mano con colori ottenuti da ossidi metallici, spruzzata di vetro e cotta una seconda volta. Le maioliche sono prodotti artigianali noti in tutto il mondo per il loro valore artistico.


La storia delle Maioliche Deruta di Produzione Privata inizia, come tutte le altre storie, sul Quadernino nero di Michele De Lucchi.
Attraverso una sequenza di disegni e fotografie vi mostreremo come, a partire da un pezzo di argilla, sono nati i primi capolavori, nel connubio tra design e artigianato artistico.

1 | I primi disegni di Michele De Lucchi sul Quadernino nero

2 | I primi disegni delle decorazioni

Accanto ai tre disegni si possono leggere i temi delle decorazioni: fontanelle, alberi, foglie.

3 | Michele De Lucchi mette a punto la prima collezione di Maioliche

4 | Il torniere inizia a dare forma al vaso.

5 | Nella realizzazione di ogni piccolo dettaglio l'artigiano dimostra una capacità manuale di altissimo livello

6 | Il coperchio viene uniformato, tagliando l'argilla con una lama speciale

Questo è uno dei passaggi più delicati della lavorazione. Sbagliare il taglio comporterebbe ricominciare da capo l'operazione.

7 | Si dà forma ai dettagli

Dopo gli ultimi ritocchi il vaso in argilla viene consegnato all'artigiano responsabile della cottura..

8 | La differenza di colore della maiolica prima e dopo la cottura

Dopo la cottura a più di 800° la maiolica assume il caratteristico colore “rosso terracotta”.
Per approfondimenti: La storia e tecnica della Maiolica

9 | Per ottenere i giusti colori le combinazioni di polveri vengono attentamente studiate e mescolate

10 | Questi sono i barattoli contenenti colori, basi e miscelatori ottenere la classica decorazione superficiale

11 |Un esempio di miscela per i decori

Questa miscela serve per il disegno dei bordi delle decorazioni che saranno riempite con in colore nella fase successiva

12 | I colori sulla base vengono applicati accuratamente con un pennello a fiamma

13 | I modelli forniti da Michele De Lucchi, vengono disegnati e ottimizzati dai grafici

14 |Il profilo del decoro disegnato su carta viene impresso sulla superficie

15 | Si traccia a mano la prima pennellata

La prima di una lunga serie di pennellate è quella che traccia i contorni. I decoratori iniziano qui un lungo e minuzioso lavoro riprodurre fedelmente i disegni!

16 | La maiolica decorata è pronta per la seconda cottura

Una volta finite le decorazioni, la maiolica è pronta per essere cotta la seconda volta. Viene prima spruzzata con degli elementi che vetrificano ad alte temperature. Il piccolo capolavoro disegnato rimarrà per sempre impresso sulla superficie.

Michele De Lucchi, soddisfatto dei risultati, chiama il suo amico fotografo di vecchia data Tom Vack per immortalare questi oggetti speciali.
Le fotografie seguenti sono scatti inediti di Tom Vack, non ancora post-prodotti.



Sono fotografie anche se potrebbero sembrare delle immagini digitali modellate in 3D. Questo effetto è stato raggiunto in parte grazie alla finitura lucida della maiolica ma soprattutto grazie alla maestria di Tom Vack e al suo stile nel ritrarre oggetti.





Per i vasi sono state disegnate sette forme e sette decori differenti, grazie alle cui possibili combinazioni derivano vasi diversi, prodotti in un unico esemplare. Sette vasi con decori di studio costituiscono una collezione di prototipi, realizzati ciascuno in un solo esemplare.



CREDITI
Progetto: Michele De Lucchi
Design: Philippe Nigro
Grafica: Maddalena Molteni
Responsabile di produzione: Nora De Cicco

Realizzazione: Ubaldo Grazia Maioliche
Torniante: Augusto Girolamini
Tecnologo del colore: Nicola Boccini
Decorazioni a mano: Carol Brannigan, Riccardo Muti

CREDITI FOTOGRAFICI
Maddalena Molteni 
Tom Vack (oggetti)

IMMAGINI
Archivio aMDL – Michele De Lucchi



 

Commenti e suggerimenti

Ti è piaciuto il post? Quale altra storia vorresti scoprire? Scrivici!